Crostata con ricotta e confettura ai frutti di bosco

0 Condivisioni

Non sono un’amante dei dolci pasquali.
Non provate nemmeno a propormi una fetta di colomba, perché dopo i mesi invernali con panettoni e pandori, arrivo a Pasqua con la voglia di dolci freschi e fruttati.
La pastiera non mi fa impazzire e non la sento “mia”. 

Insomma, a Pasqua mi piace fare sempre qualcosa di nuovo, può considerarsi anche questa una tradizione, no?
Per questa Pasqua casalinga vi propongo una delle mie crostate preferite, con crema di ricotta e confettura di frutti di bosco. La ricetta è della mitica Benedetta Rossi con qualche piccola modifica.

INGREDIENTI

Per la frolla
2 uova
100g di zucchero a velo
80g di olio di girasole
320g di farina
1/2 bustina di lievito per dolci
Scorza di mezzo limone

Per il ripieno
250g di ricotta 
50g di zucchero a velo
Scorza di mezzo limone
300g di confettura ai frutti di bosco

PROCEDIMENTO

In una ciotola metti le due uova, lo zucchero, l’olio, la scorsa di limone e inizia a sbattere con una forchetta. Aggiungi la farina e il lievito poco per volta e inizia ad impastare fino ad ottenere un panetto liscio a compatto. Avvolti la frolla nella pellicola e lasciala riposare in frigo mentre prepari il ripieno.

In una ciotola metti la ricotta, lo zucchero e la scorza di limone. Mescola fino ad ottenere una crema liscia.

Prendi la frolla e stendila con il matterello fino a ottenere uno spessore di circa 3mm.
Adagiala in una teglia per mostrare (la mia ha il diametro di 24cm) e tieni da parte la frolla avanzata.

Bucherella la frolla con i rebbi di una forchetta, poi spalma la crema di ricotta e, sopra di essa, metti la marmellata.
Con la frolla avanzata, ricava delle strisce per decorare la crostata.

Inforna la crostata con ricotta e confettura in forno già caldo a 180 gradi per 30/40 minuti. 

Lascia raffreddare completamente la crostata prima di mangiarla. Si conserva in frigo per 3-4 giorni e si può congelare. Prima di mangiarla, tirala fuori dal frigo 30 minuti prima per portarla a temperatura ambiente. 

0 Condivisioni

Leave a Reply